SPORTELLO PER IL PROCESSO TELEMATICO coordinato dagli Avvocati Alessandro Graziani e Andrea Pontecorvo

Pubblicato da Andrea Pontecorvo il 30/06/2014

Update 28.01.2014:

al fine di gestire al meglio la risorsa, è stata attivata una casella di posta elettronica ove anticipare la problematica riscontrata relativamente all’uso della piattaforma ministeriale. Inviando la propria richiesta in anticipo rispetto all’accesso presso lo Sportello, saremo in grado di predisporre per tempo il più opportuno riscontro, rendendo il successivo colloquio tecnico ancor più puntuale ed efficace.

Questo l’indirizzo:

sportellotelematico @ cameracivileroma . com

Andrea Pontecorvo, Avvocato

_   _   _   _   _

Da sempre IusLaw è attenta ai temi delle nuove tecnologie applicati al mondo della professione forense e non solo.

Le recenti novità legislative sul processo telematico, in particolare, hanno -ed ancor più nell’imminente futuro avranno- notevoli effetti sugli Avvocati e sul loro modo di interloquire con gli Uffici Giudiziari.

In tale contesto, con la preziosa collaborazione della Camera Civile di Roma, è da questa settimana operativo lo SPORTELLO PER IL PROCESSO TELEMATICO, coordinato dagli Avvocati Alessandro Graziani e Andrea Pontecorvo, ogni martedì, mercoledì e giovedì, dalle ore 10:00 alle ore 12:00 presso la sede della predetta prestigiosa Associazione Forense, nel Tribunale Civile di Roma, Stanza 306, con accesso sia da Viale Giulio Cesare 54/B che da Via Damiata 12.

Grazie alla presenza anche di tecnici notevolmente qualificati, sarà possibile risolvere qualsiasi problema pratico: dal rilascio della smartcard, al rinnovo della PEC; dalla visualizzazione dei registri informatici di cancelleria al deposito telematico delle memorie.

Ulteriori iniziative, infine, saranno avviate nei prossimi giorni, sempre al fine di coadiuvare la Categoria forense a superare il primo impatto con metodologie che -è bene ricordarlo- dal 1 luglio 2014 saranno (salvo rinvii) obbligatorie per tutti.

Andrea Pontecorvo131204 ccr sportello informatico manifesto-page-001